Cos’è la P4

Salve, volevo affrontare quest’altro argomento che in questi giorni ha dato modo in tv di dare fiato a voci totalmente fuorvianti e malintenzionate. In primis i giornali stessi non hanno precisato molte situazioni alquanto inquietanti e soprattutto hanno, spesso, parlato della cosa tralasciando molti dettagli. Partiamo con lo spiegare in cosa consiste l’inchiesta che è stata aperta:

Sedicimila pagine di inchiesta. L’indagine sulla presunta associazione segreta P4 di Luigi Bisignani portata avanti dai pubblici ministeri Henry John Woodcock e Francesco Curcio ha numeri da capogiro Centosette testimoni interrogati, tre faldoni di intercettazioni telefoniche, cinquanta informative di carabinieri, polizia e guardia di finanza.
TESTIMONI VIP. Tra i testi sfilati davanti ai pm Woodcock e Curcio figurano molti nomi noti: politici come Mara Carfagna, Daniele Capezzone, Luca Barbareschi, Italo Bocchino, Massimo D’Alema, Giacomo Caliendo e Stefania Prestigiacomo. E poi i magistrati: Paolo Mancuso, procuratore di Nola; Umberto Marconi, ex presidente della Corte d’appello di Salerno,; Vincenzo Galgano, ex procuratore generale di Napoli che in un’intervista aveva parlato di un ‘corvo’ nell’ufficio della Procura e anche Arcibaldo Miller, capo degli ispettori del ministero di Giustizia.
COINVOLTI ANCHE I CASALESI. Tra i testimoni è incluso il pentito del clan dei casalesi Emilio Di Caterino, l’ex parlamentare Alfredo Vito, conosciuto come ‘mister centomila preferenze’ ai tempi della prima repubblica, l’imprenditore Alfredo Romeo, al centro dell’inchiesta sul Global Service e assolto con rito abbreviato, e l’immobiliarista Stefano Ricucci.
GALLO, IL PIÙ INTERROGATO. Molti dei testi sono stati sentiti più volte: Vito, per esempio, quattro volte; cinque volte è stato convocato l’imprenditore Alfredo Gallo, che ha riferito di essere stato ricattato dal parlamentare del Pdl Alfonso Papa. Poco meno di cinquemila pagine sono dedicate alla trascrizione delle intercettazioni, molte delle quali sono state ritenute dai pm penalmente non rilevanti e dunque non sono state allegate alla richiesta di misure cautelari. [FONTE]

Sostanzialmente è un’inchiesta su questa loggia composta da vari “membri” fatta per capirne gli scopi, in questo losco gruppo troviamo dai mafiosi a D’Alema dai magistrati a pentiti mafiosi e politici, abbiamo un bel mix che ci da il quadro del tipo di associazione che abbiamo davanti. Molti (ovviamente quelli che ne facevano parte o che comunque che beneficiano delle loro azioni) hanno detto che erano tutte sciocchezze, che questa associazione non può essere accusata di nulla poiché non hanno prove concrete su cosa hanno fatto o cosa hanno causato (vedi commenti di quel buffone di Sgarbi), ma al di là di quello che hanno o non hanno fatto, di certo riunirsi con dei mafiosi, malavitosi e potenti di ogni tipo non lo si fa per fare un bel poker, dico bene? Inoltre ricordo a tutti  che la legge italiana impone il divieto assoluto di creare società segrete di questo tipo o con questo scopo:

Art. 18. I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale.
Le associazioni sono organizzazioni stabili di più individui, che si accordano tra di loro per perseguire fini comuni.
Ci si può associare per tutti i fini che non siano vietati ai singoli dalla legge penale, quindi:
– tutto ciò che è possibile fare da soli, lo si può fare associandosi.
– Sono vietate associazioni per delinquere.
Sono proibite le associazioni segrete e quelle che perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare.
Sono vietate due categorie di associazioni in particolare:
Quelle segrete: perché si presume che il segreto nasconda qualcosa di illecito; e perché il legame segreto fra persone che hanno poteri, possono alterare il funzionamento delle istituzioni democratiche, in quanto priverebbero il cittadino della possibilità di comprendere ciò che accade attorno a lui.
– Quelle che perseguono scopi politici mediante organizzazioni militari: perché l’organizzazione militare è quella che impiega la forza, si basa su rigide gerarchie e sostituisce l’obbedienza alla libera discussione, tutte cose incompatibili con la democrazia.

Detto questo adesso l’inchiesta è aperta ma si cerca come sempre, ovviamente, di salvare capre e cavoli, quindi il nostro amato governo cosa fa? Cerca di mettere un freno alla cosa e ha far passare nuovamente quella legge assurda per evitare le intercettazioni:

In un solo giorno i parlamentari del Pdl sono riusciti a  rinviare la decisione sulla richiesta d’arresto del collega Alfonso Papa e si sono riuniti in un vertice d’urgenza per rimettere il decreto antiintercettazioni in cima all’agenda dei lavori delle camere. Una guerra colpo su colpo contro l’inchiesta di Napoli sulle trame ordite dal faccendiere Luigi Bisignani. Anche se molti hanno cercato di sfumare: «Il Pdl da sempre discute di un provvedimento contro l’abuso delle intercettazioni» hanno risposto i deputati.
Una voce però si è subito scostata dal coro: quella di un leghista autorevole come l’ex guardasigilli Roberto Castelli, che ha rivelato: «Da ministro ho sempre avuto la percezione di un quarto potere esterno al governo e al parlamento. In questo caso le pubblicazioni delle telefonate mi hanno aperto gli occhi».

Ovvio non vogliono far sapere alle persone di questo “quarto potere” vogliono continuare con i loro sporchi giochi senza che nessuno possa minimamente sapere cosa decidono e cosa fanno in barba a tutte le leggi e alla democrazia. Come se il nostro paese avesse una simile urgenza, come sempre fanno le leggi per loro e noi poveracci che andiamo avanti con uno stipendio da miseria continuiamo a essere ignorati e calpestati.

Tornando al nostro discorso sulla P4 arriviamo al nostro caro LUIGI BISIGNANI che ha interferito (come in passato nella P2) nel mondo dell’informazione, imprenditoria, politica e persino con il Vaticano, lo stesso Berlusconi aveva dichiarato tempo fa che il Sig. Bisignani era l’uomo più potente in circolazione. Adesso (oggi) dopo varie prove è stato messo agli arresti domiciliari (che ovviamente finiranno a breve) e non credo che gli si faccia più di tanto, anzi, come in passato a parer mio ne uscirà presto da questa storia e tornerà a fare i suoi comodi. Vi riporto un video a riguardo:

In ogni caso i loro giochi di potere continueranno indisturbati fin quando noi gli permetteremo di farlo, le associazioni segrete e i loro componenti non fanno altro che travestirsi, camuffarsi in persone per bene che noi come poveri idioti eleggiamo e permettiamo che loro prendano come consiglieri segretari ecc chi vogliono. Diamo la possibilità di arricchirsi sulle nostre spalle e decidere i nostri destini ogni maledetto giorno. Mi chiedo come le persone non siano stanche di questi giochi (che ormai sono palesemente usciti allo scoperto) e come la storia continui a ripetersi in maniera così puntuale ( VEDI LA P2). Queste marionette che abbiamo al governo non fanno altro che aiutare e coprire queste situazioni e queste persone che in realtà fanno perno su ogni settore del nostro paese.

Come sempre potrei sbagliarmi e potete tranquillamente prendere tutto come una favola, ma usate la testa e fatevi un’opinione.

Un abbraccio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...