DA BILDERBERG A GOOGLE-BERG: L’ELITE GLOBALE PREPARA UNA RISTRUTTURAZIONE TECNOCRATICA

Gli eventi mondiali mostrano sempre più chiaramente che i più importanti obiettivi dell’elite globale sono la totale riorganizzazione della coscienza umana e addirittura cambiare l’essenza degli umani. Infatti, questo è sia il fine che il mezzo della costruzione di un “nuovo ordine mondiale”. L’ultimo incontro del Bilderberg Group, che si è svolto dal 6 al 9 giugno 2013 nel Grove hotel in un quartiere di Londra, discuteva specificamente di questo argomento…

Le informazioni riguardo a dove sarebbe avvenuto l’incontro, cosa c’era nella sua agenda e chi avrebbe partecipato erano disponibili molto prima dell’incontro, sia nei mezzi d’informazione alternativi che ufficiali. Per esempio, il giornale The Telegraph ha scritto a riguardo in un articolo chiamato “Bilderberg Group? Nessuna cospirazione, solo il gruppo più influente del mondo”.

E nel numero successivo, nell’articolo “Bilderberg Group 2013: lista degli invitati e agenda”, il Telegraph ha presentato gli argomenti che dovevano essere discussi all’incontro. Fra questi c’erano la disoccupazione negli Stati Uniti e Europa, nazionalismo e populismo, politiche dell’Unione Europea, sviluppi nel Medio Oriente, sfide dell’Africa, guerra cibernetica e proliferazione di minacce asimmetriche, le maggiori tendenze nella ricerca medica e le promesse e gli impatti dell’educazione online.

Una fonte interna del sito alternativo infowars.com ha fornito informazioni più dettagliate sull’agenda, dicendo che due gruppi di tematiche sarebbero state discusse nell’incontro. Il primo ha a che vedere con i problemi economici: aumentare i poteri delle banche centrali sotto le sembianze di “riforme bancarie,” salvare le banche per sostenere l’euro e proteggere l’eurozona, creare sistemi di riscossione delle tasse più efficaci, non lasciare uscire dall’Unione Europea la Gran Bretagna, diffondere proteste sociali indotte dall’austerità, crescita economica minima nel 2013 e concentrare la ricchezza delle popolazioni nelle mani di corporazioni e elites superricche.
(altro…)

Annunci

Acque di falda, tutti liberi di inquinare per decreto

See on Scoop.itIO NON MI ARRENDO

Inquinare le falde acquifere si può e senza pagare le bonifiche. L’amara sorpresa era annidata nel Decreto del Fare e riscontrata dal WWF Abruzzo e poi rilanciata dai Movimenti per l’acqua che prontamente hanno diffuso un comunicato stampa in cui si denuncia che la qualità delle acque di falda viene messa a rischio per cui chi inquina non paga. Il Decreto del Fare è ora on Parlamento per essere poi convertito in Legge e prevede:

Nei casi in cui le acque di falda determinano una situazione di rischio sanitario, oltre all’eliminazione della fonte di contaminazione ove possibile ed economicamente sostenibile, devono essere adottate misure di attenuazione della diffusione della contaminazione.

Ma come rileva lo stesso WWF Abruzzo il Decreto va ben oltre e nell’art.41 anche se vi è conclamato impatto sulla salute dei cittadini ma vi è anche insostenibilità economica si può lasciare tutto com’è; al massimo si tratteranno le acque inquinate e neanche senza andare troppo di fretta. Per gli agenti inquinanti, poi, è sufficiente ridurli o attenuarli :

Pertanto se si passa da valori 1000 volte superiori ai limiti a “solo” 500 volte le soglie, un’azienda potrebbe dire di aver rispettato il dettato del Decreto?

In sostanza il Governo Letta prevede l’azzeramento di bonifica delle falde acquifere poiché queste possono essere effettuate solo se convengono economicamente (e una bonifica non conviene mai) a chi ha inquinato anche se sussiste un rischio sanitario.

(altro…)